menu
 


La Strada del Vino Erice DOC in partnership con il Gal Elimos e il Club Alpino Italiano per il progetto “Rete Sentieristica dell’Agroericino. Trekking Tourism”, insieme ai Comuni di Erice, Valderice, Custonaci, B. Palizzolo, Cast.mare del Golfo e San Vito

E' un piacere comunicarvi che il progetto: “Rete Sentieristica dell’Agroericino. Trekking Tourism”, già proposto dalla “Strada” insieme al CAI ai Comuni associati, si è concretizzato con la presentazione della proposta progettuale alla Regione Siciliana a valere sul bando: “Realizzazione di attività finalizzata alla creazione di itinerari turistici dedicati al segmento “natura” nell’ambito del progetto di eccellenza - art. 1, comma 1228 della Legge 296/96 - denominato “Progettazione e realizzazione di itinerari per la valorizzazione del turismo naturalistico”, pubblicato dall’Assessorato del Turismo dello Sport e dello Spettacolo.

Dunque è stato avviato un altro progetto in Rete dedicato alla valorizzazione e ad una migliore fruizione del paesaggio, che si aggiunge al progetto “Born in Sicily - Profeti in Patria”, precedentemente elaborato dalla “Strada” per conto dei Comuni associati. Il progetto “Trekking Tourism” è stato presentato dal GAL Elimos (Capofila e progettazione), dal CAI - Club Alpino Italiano Gr Sicilia e Sottosezione di Castellammare del Golfo (Partner operativo ed attuatore), dalla Strada del Vino Erice DOC (Partner operativo ed attuatore), dal Distretto Turistico Sicilia Occidentale (Partner strategico) e dai 6 Comuni aderenti (Erice, Buseto Palizzolo, Castellammare del Golfo, Custonaci, San Vito Lo Capo e Valderice), preceduto dalla firma di un Protocollo d’Intesa tra i partner per la sostenibilità a medio-lungo termine.

Il progetto, presentato il 30 Maggio, conferma la sinergia di Rete ormai avviata tra enti pubblici e privati che la “Strada” e i partner coinvolti si impegnano a persegire nelle attività di sviluppo locale del territorio.

La partecipazione del CAI, al suo 150° anniversario dalla costituzione (Torino, 1863), è significato di orgoglio e conferma il ruolo determinante del CAI nella società nella quale opera proponendo un modello di vita quanto più svincolato dai consumi, a contatto con la natura.

L’obiettivo è la realizzazione di una “Rete Sentieristica dell’Agroericino” per lo sviluppo del “Turismo Naturalistico” attraverso l’inserimento dei sentieri nel Catasto Regionale dei Sentieri CAI e la collocazione della segnaletica standard a norma CAI, compresi la realizzazione di una serie di azioni per la promo-commercializzazione del prodotto turistico, attraverso la creazione di un Portale Web dedicato, di applicazioni multimediali (App, Virtual Tour, Trail Me UP, Social network, ecc.), al fine di garantire una facile accessibilità di dati ed una migliore fruibilità dei percorsi individuati, nonché azioni rivolte alla formazione, alla creazione di pacchetti turistici ed eventi a tema di “Natura” in collaborazione con Tour Operator specializzati. I sentieri individuati ed inseriti nel progetto, limitatamente alle risorse disponibili dal co-finanziamenteo di cui al bando, ricadono peraltro all’interno dei 6 Comuni dell’”Ambito 1 del Piano Territoriale Paesaggistico. Rilievi del trapanese”, sono compresi inoltre le Riserve Naturali di “Monte Cofano” e dello “Zingaro”, oltre vaste aree soggette a vincolo SIC-ZPS; questi sono stati individuati in collaborazione con gli Enti pubblici e gli Uffici tecnici, quindi verificati e tracciati con GPS, in attesa di essere inseriti nel Catasto Regionale del CAI.

Camminando ... il territorio offre scorci di una bellezza sorprendente, caratterizzati da forti contrasti tra gli ambienti costieri e collinari, contesi tra mare e montagna, tra campi coltivati a seminativi o destinati al pascolo, pregevoli vigneti e uliveti, che caratterizzano il paesaggio, ricchi di riferimenti identitari ancora intatti come le architetture rurali, gli edifici religiosi, le fonti d’acqua, nonchè usi e costumi della gente del luogo, ecc. Consapevoli dell’alto potenziale del territorio il progetto costituisce un mero “start-up” che dovrà servire da stimolo per un’ulteriore sviluppo della Rete Sentieristica dell’Agroericino.

A proposito, il progetto, nell’idea del coinvolgimento degli operatori locali, vedrà la partecipazione degli associati alla “Strada del Vino Erice DOC” ed al “GAL Elimos”, oltre ad essere favorito dalle attività professionali del CAI per l’escursionismo.

Dopo tanto lavoro ed impegno dedicato, auspichiamo tutti il positivo accoglimento del progetto da parte del Dipartimento Turismo Sport e Spettacolo e la sua celere realizzazione, al fine di valorizzare ulteriormente la destinazione turistica della Sicilia occidentale e dei Monti di Trapani.



«Torna Indietro
Powered by ADA Comunicazione